Egidio Gazzolo

Edificio Residenziale Via Luxemburg (MI)

DESTINAZIONE D'USO: Residenza

SUPERFICIE: 1.700 mq

ANNO PROGETTO: 2001-2007

PROGETTO: Battistrada e Gazzolo S.r.l.

DIREZIONE COMMESSA: geom. L. Dallavalle

Collaboratori:

geom. Marcello Sartor
arch. Maria Alessandra Fiorucci

Progetto strutture: Studio Associato Rizzi-Riccamboni

Consulenza geologica: Dott. Geol. Marco Dossi

Consulenza risparmio energetico: Studio Tecnico Gandini

Direzione lavori: arch. Egidio Gazzolo

Direzione lavori strutture: arch. Egidio Gazzolo

Impresa: Penati Technoengineering S.r.l. – Milano

Committente: Rosa Luxemburg S.r.l. – Milano

La riconversione dell’area industriale dismessa ex Fonderie Lamperti, nella prima periferia nord occidentale, in via Rosa Luxemburg, lungo la direttrice di via C. Imbonati e la ferrovia Milano-Vigevano ha generato l’edificazione di un nuovo fabbricato a destinazione residenziale.

Operazione preliminare è stata la totale demolizione dei fabbricati esistenti e la bonifica del terreno sottostante.

Il lotto, di forma triangolare, ha imposto lo sviluppo del nuovo edificio con una pianta rettangolare il cui lato maggiore è portato in tangenza alla via pubblica, mentre sul vertice opposto è stato previsto un giardino ad uso condominiale e la parte restante dell’area è stata destinata a giardini privati.

L’edificio presenta uno sviluppo prevalente verticale, è organizzato su sei livelli fuori terra, un piano interrato e un seminterrato, per un totale di 27 appartamenti, 1 laboratorio artigianale/industriale e 51 box, con accesso carrabile mediante due rampe esterne indipendenti.

Il fronte nord, maggiormente esposto al rumore della linea ferrata e della strada, è caratterizzato dalla presenza di piccole bucature e balconi con parapetti in vetro e acciaio, oltre che dalla parete completamente vetrata di chiusura del vano scala. Gli altri tre fronti si aprono invece sui giardini di pertinenza e sui distacchi degli edifici vicini, con un gioco di verande e terrazze, per godere della luce e del sole tipici degli affacci sud, est e ovest. Particolarità dell’intervento è la copertura a botte con struttura in legno lamellare e rivestimento in rame, distaccata dalla parte sottostante da un unico nastro vetrato.